Paura del fallimento - Life coaching

Il procrastinare può essere legato alla paura del fallimento e questo a sua volta al perfezionismo.
Quante volte ci accade di rimandare un’attività e non sappiamo neanche noi come mai.
C’è una dinamica curiosa dell’essere umano: a volte tendiamo a voler essere  perfetti.
Peccato che, come disse Salvador Dalì, famosissimo pittore spagnolo del ‘900,

“Non aver paura della perfezione. Non la raggiungerai mai”.

Finché non ci appare questa verità in tutta la sua forza, la ricerca di qualcosa di altro va avanti e può essere il migliore alibi per nascondere altro ancora. Cosa?
Ad esempio la paura del fallimento. Immagina quanto può essere difficile accettare l’insuccesso per il perfezionista!

Ti racconto la storia di Maria Teresa, nome immaginario, che è un bell’esempio di come noi stessi riusciamo a costruirci vincoli e barriere al procedere oltre.

 

La prima sessione di life coaching con Maria Teresa

Maria Teresa viene da me e mi racconta la sua storia. Non è ben chiaro quale possa essere il suo obiettivo di crescita personale. Ha raccontato talmente tante situazioni, che gli obiettivi di crescita possono essere numerosi ed ognuno meriterebbe più sessioni di life coaching.

Iniziamo a ragionare sulla scelta dell’obiettivo e Maria Teresa si incarta da sola scegliendo prima un obiettivo, poi un altro, poi torna indietro, poi ne considera un altro ancora. Una girandola di idee, desideri e volontà. Tanti. Così tanti che non riesce a fare la sua scelta ed arriva a dire “Sono bloccata. Devo prendermi tempo per decidere dove andare a  parare”.

Maria Teresa ammette che i mille sensi del dovere che ha, le impongono talmente tante regole da farla sentire a disagio.

Non sa decidersi, va in ansia e si sente frustrata, definendosi incapace di fare una scelta.

Non sa che il disagio iniziale è la contropartita da accettare nell’affrontare qualsiasi nuova situazione e che passare da termini come “devo” a “voglio” può fare una grande differenza.

Non sa che la perfezione ha costi troppo alti per l’essere umano. È come dire che alzi continuamente l’asta, mentre effettui il salto. Neanche wonder woman riuscirebbe in un’impresa così complessa.

 

Il perfezionismo: la tana della paura del fallimento

Non sa che il perfezionismo è la trappola con cui in realtà nascondiamo la paura del fallimento: riuscirò? Ce la farò? Sarà la soluzione giusta? Ce ne poteva essere una migliore? E via di seguito a chi ne trova di più per auto-sabotarci, bloccandoci nel pensiero e nell’azione.

Infine ragioniamo della differenza tra perfezione e imperfezione. Parliamo della convenienza del partire, abbozzando una prima ipotesi per migliorarla strada facendo, piuttosto che della staticità indotta dal ricercare una soluzione perfetta, che perfetta non è mai, ogni volta per qualche motivo diverso.

Ed è qui che Maria Teresa ha la sua illuminazione. Inizia a ridere di sé. Si prende in giro con il suo modo ironico e spiritoso che ha di mettersi alla berlina.
Inizia a comprendere che tanta immobilità e pretesa nei suoi stessi confronti è un gran danno al fluire delle cose e delle emozioni.

 

Il life coaching ti aiuta a scoprire le tue peculiarità

La grande caratteristica di Maria Teresa è l’auto-ironia.

Ed è così che se ne esce di fretta dal mio studio, perché ha capito che chi giudica il successo o l’insuccesso, siamo sempre noi stessi. Dunque, ecco spiegata la trappola che si è creata da sola!

E con la sua portentosa simpatia mi saluta, prendendomi in giro

“Ciao Coatch, devo andare! Devo recuperare il ritardo che la mia pretesa di perfezione mi ha fatto guadagnare”.

E così con quel termine sbagliato del coatch mi fa capire che sta accettando la sua imperfezione ed accantonando quella paura del fallimento, legato al suo stesso giudizio pretenzioso.

Se continui a rimandare azioni, forse è perché hai paura di fallire e così aspetti, cercando le migliori soluzioni che non saranno mai abbastanza perfette.

A che serve un percorso di Life coaching?

Un percorso di Life coaching ti permette di lavorare sull’accettare te stesso, così perfetto nella tua imperfezione.
Ti permette di ammorbidire il tuo atteggiamento nei confronti di te stesso. Ti permette di essere meno severo, di rispettare meno regole e meno doveri, ma molto di più . . . te stesso!

Che dici, partiamo?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *