Articoli

Gestire i dipendenti difficili

Sono tante volte che dico la stessa cosa al mio dipendente, ma il risultato non arriva!

Che tipo di rapporto hai con i tuoi dipendenti? Come reagiscono alle tue richieste? Cosa fai quando le azioni non sono in linea con i tuoi desiderata?
Leggi la storia di Mario e troverai alcune indicazioni di ciò che si può fare in situazioni analoghe.

 

Che tipo di rapporto hai con i tuoi dipendenti?

Mario, nome di fantasia, è un affermato consulente del lavoro. Il suo studio è un punto di riferimento per le aziende che vogliono far analizzare la contrattualistica, le nuove modalità di assunzione e procedere agli adempimenti richiesti dall’Amministrazione Pubblica, sempre più numerosi.

Ha diversi dipendenti nel suo studio, ognuno dedicato ad un certo numero di aziende, seguite in modo molto attento sotto la supervisione di Mario.

Il fatturato cresce e così il numero dei clienti. Mario è così riconosciuto nel suo settore che addirittura partecipa alla stesura dei nuovi contratti insieme con gli ordini professionali. Tutto sembra andare bene, se non fosse che Mario è insoddisfatto.

Ciò che gli pesa è il dover chiedere più e più volte la stessa cosa ad un dipendente, che fa fatica a rispondere in modo adeguato a quanto Mario si aspetta.

Eppure è una persona che ha scelto Mario, che gli dà buoni risultati a volte. Non sempre. In questo periodo è come se non si capissero. Uno chiede qualcosa e l’altro dà altro. Mario chiede di nuovo la stessa prestazione e l’altro non arriva là dove Mario vorrebbe andare.

 

Ricorrere al business coaching: l’esperienza di Mario

Eppure Mario è il titolare. È talmente incredulo, Mario, che fa perfino fatica a raccontarmi questa situazione, pensando che non possa esserci soluzione. È come se tra i due si fosse alzato un muro: io chiedo una cosa e tu me ne dai un’altra. Sempre più spesso. Sempre più frequentemente. Quasi la regola.

Quando lo incontro, Mario ha lo sguardo preoccupato, un po’ impaurito, la voce è bassa, non mi guarda negli occhi come se temesse un giudizio. Quando mi guarda negli occhi è da sotto in su, proprio a dichiarare il suo timore. Tutto il suo modo di rivolgersi a me, dichiara il suo stato d’animo del momento, che è quello della disfatta: si sente perdente ed ha perso speranza che si possa portare il rapporto tra lei e l’altra persona su nuove direttrici, sul binario della comprensione e della condivisione di pensiero e di azione, per il bene del cliente seguito.

Insomma, è sfiduciato Mario, che mi racconta che chiede la stessa cosa tante volte al suo dipendente e … niente: non c’è verso di ottenerla. Non sa più che fare con questa persona. La voce trema quando arriva a dichiarare questa sua sfiducia di poter gestire in modo diverso la situazione. La voce tremante e lo sguardo, quasi impaurito, sono quelli di chi sa che sta dichiarando un proprio fallimento.

Anche in questo caso la luce arriva!

A distanza di due anni, Mario è un’altra persona. È molto più sereno. È sollevato e non teme più il dover parlare con il dipendente. Arriva a dichiarare:

“Ora non solo è migliorato il mio rapporto con questa persona, ma addirittura è migliorato il clima tra tutti nell’ufficio, sia il mio con ognuno di loro, sia quello tra loro stessi”.

Sono diventati più collaborativi, meno competitivi e più inclini a pensare al bene collettivo – sia all’interno dello studio sia tra studio e clientela – piuttosto che a quello individuale. E sono molto di più l’uno a supporto dell’altro, sia nei momenti di difficoltà sia nella quotidianità.

 

Se il dipendente difficile è solo demotivato

Cosa è successo? Mario ha analizzato il suo modo di interfacciarsi con questa persona in particolare e poiché non sembravano esserci particolari criticità, siamo passati ad uno studio di come questa persona si motiva.

L’indagine l’abbiamo svolta sull’intera struttura per non far vedere che fosse un’azione mirata solo su una persona. Il risultato è stato così ricco di informazioni individuali, che ora Mario può preparare gli incontri individuali con ognuno dei dipendenti, con un ricco set di informazioni calibrate su ognuno di loro. Quindi non solo prepara ogni incontro, ma addirittura calibra le frasi sulle modalità più adeguate ad ogni singolo interlocutore.

Ed il successo arriva!

Se pensi che anche nella tua realtà si possa essere migliorare il rapporto tra te ed i dipendenti o tra gli stessi dipendenti, scrivimi a info@lauramarinelli.it ed analizziamo insieme la tua situazione.

Essere a capo di un’organizzazione, di uno studio professionale o di un’azienda comporta il dover prendere decisioni. Spesso sei da solo nel momento della scelta e ti ritrovi anche con gli altri che non capiscono il motivo per cui hai adottato proprio quella soluzione e non altre. La solitudine è il prezzo che il numero uno di un’organizzazione paga per il suo ruolo.

Ti pesa? Come lo affronti? Quali strategie usi nei confronti di dipendenti e collaboratori? Se anche tu senti il peso della solitudine, leggi questo articolo che dà alcuni spunti di riflessione.

 

Strategia d’azienda: il piano di Salvatore

Salvatore, così lo chiameremo, è l’imprenditore di una media azienda del settore alimentare. Era piccola la sua attività quando l’ha rilevata. Le scelte e le innovazioni che Salvatore ha apportato hanno dato i loro frutti e nel giro di pochi anni l’azienda si è ingrandita ed è riuscita ad aprirsi ai mercati stranieri, molto interessati ai prodotti alimentari italiani di alta qualità.

Non è facile, mi racconta all’inizio del percorso di coaching, far passare le nuove idee al personale. Quando sei al vertice di un’organizzazione, grande o piccola che sia, ti trovi ad esser solo nel prendere decisioni senza poter avere il sostegno del confronto con altre persone e così, a volte, rimani con i tuoi dubbi.

Salvatore ha appena rilevato l’azienda, ha studiato il settore, ha analizzato altri casi di successo simili al suo della stessa area merceologica, ha capito come si deve muovere per far crescere il suo business.

Mesi e mesi di lavoro, di studio, di analisi sulle alternative e sulle conseguenze … infine la strategia si completa. Un puzzle di novità sul fronte dei prodotti e dei servizi da offrire, il rinnovamento dei fornitori, nuovi mercati da aprire, nuovi macchinari su cui investire per dotare l’azienda di una maggiore produttività e nuove tecniche di gestione d’azienda per il controllo dei margini.

Perfetto. Tutto è ora chiaro. C’è solo da comunicarlo ai dipendenti e ai collaboratori per far partire la nuova azienda. Sì, perché di fatto si tratta di far partire un’azienda completamente nuova come cultura aziendale e presenza sul mercato, non più solo italiano, ma mondiale. La nota positiva è che il quadro è chiaro. Ora Salvatore sa cosa si deve fare e non vede l’ora di partire.

Il più è fatto: il pensiero e la direzione sono chiari e con loro anche il come fare.

Da vero capitano d’azienda si mette in testa al processo di rinnovamento ed ora pensa di trasferire il progetto all’intera struttura così, dal giorno successivo, si possono iniziare ad apportare i primi cambiamenti, facendo muovere tutta l’organizzazione nella stessa direzione, una volta che questa è chiara e comunicata a tutti.

Indice una riunione e presenta a dipendenti e collaboratori la nuova strategia d’azienda.
Scoppia il dramma!

 

“Abbiamo sempre fatto così!”

Salvatore non avrebbe mai immaginato di poter ricevere tanti attacchi verbali, tante manifestazioni di dubbio, di carente fiducia nei suoi confronti dai suoi dipendenti. E invece proprio così è stato.

Salvatore è sorpreso. Non si aspettava proprio che i dipendenti mettessero in dubbio la bontà delle scelte fatte in tanti mesi di analisi e studi e considerazioni. Non si aspettava proprio che il mantra “abbiamo fatto sempre così” fosse ripetuto così tante volte che ora gli dà perfino fastidio sentirlo. E non si aspettava neanche che i dipendenti fossero così arroccati sul vecchio stile di lavoro da non poter neanche prendere in considerazione nuovi modi di lavorare. Neanche il far intravedere loro un modo meno faticoso di lavorare, che comporta apprendere e capire come far funzionare macchinari nuovi, li smuove dalla loro posizione. Infine quello che ferisce in profondità Salvatore è quell’atteggiamento di qualcuno che arriva con parole neanche tanto velate a mettere in dubbio le sue scelte. Il senso di alcune frasi è:

“Come puoi pensare tu, che di questo settore sei nuovo, di cambiare qualsiasi cosa e di non ascoltare noi che ci lavoriamo da tanti anni”.

Si rende conto solo a valle della riunione che ci sono situazioni in cui parlare ai tuoi dipendenti, ai collaboratori, ai clienti ed ai fornitori, richiede un atteggiamento speciale, diverso da qualsiasi altra modalità che adotteresti in altre situazioni.

Intuisce che deve aver fatto qualche errore e che forse ci possono essere nuovi modi di coinvolgere il personale e di motivarlo senza generare conflitti o comunque riuscendo a superarli anche quando siano stati manifestati.

 

Il percorso di business coaching con Salvatore

Nel percorso di coaching individuale, Salvatore capisce che non puoi concederti di esporre un dubbio ad un dipendente, non puoi che avere la giusta empatia con ogni interlocutore anche quando ne hai tanti contemporaneamente, non puoi pretendere che la conoscenza del settore e delle tematiche sia allo stesso tuo livello per tanti motivi: il ruolo ricoperto, la complessità delle tematiche, l’apertura mentale e di visione del business. Sono tutti elementi considerati in modo diverso da persona a persona in base all’esperienza maturata, alle conoscenze acquisite, agli ambienti frequentati.

Eppure Salvatore sente il bisogno di parlare con qualcuno, di confrontarsi, di far sorgere i dubbi, perché lo aiutano ad intravedere il cammino percorribile con sacrifici minori e ad individuare gli errori da evitare. Sente anche il bisogno di avere vicini i suoi bracci destri e sinistri interni all’azienda. Così abbiamo avviato sessioni di Team Coaching, a cui partecipano Salvatore ed i suoi sei collaboratori più stretti.

In ogni sessione Salvatore decide l’obiettivo aziendale che in quella sessione dovrà essere affrontato, che è condiviso e perfezionato con tutto il gruppo. Definito l’obiettivo, accettato da ognuno dei partecipanti, partiamo con lo sviluppo del piano d’azione che ognuno dei partecipanti attiverà per fare in modo che l’obiettivo aziendale venga raggiunto e nei tempi stabiliti.

Salvatore finalmente sorride mentre commenta con me affermando:

“Mi ritrovo ad aver fatto fare a loro quello che loro stessi avevano inizialmente contestato. Non so neanche io come abbiamo fatto ma ci siamo riusciti”.

In conclusione, la solitudine di Salvatore l’abbiamo risolta in tre step.

  1. Il primo è stato effettuare alcune sessioni di coaching individuale all’imprenditore, così da chiarire con lui alcuni aspetti della strategia d’azienda e del suo staff.
  2. Quando Salvatore è stato pronto, abbiamo coinvolto i suoi collaboratori più stretti, con cui abbiamo fatto alcune sessioni di coaching individuale in cui hanno acquisito fiducia nel coach e chiarito alcuni aspetti della vita aziendale.
  3. Pronti anche i collaboratori, siamo passati alle sessioni di Team, in cui tutti insieme abbiamo fatto lavorare l’intero gruppo nella direzione e verso la meta definite all’inizio di ogni sessione.

Le sessioni individuali sviluppano le competenze individuali e le sessioni di gruppo contribuiscono a migliorare le performance dell’intero gruppo apicale, che sarà poi quello che coinvolgerà e farà attuare la strategia all’intera struttura.

Se pensi che anche la tua azienda meriti di crescere di più, se vuoi far lavorare meglio e con maggiore risultati il gruppo apicale, scrivimi a info@lauramarinelli.it e valuteremo insieme un progetto specifico per la tua azienda.

Nel frattempo, mi farà piacere conoscere come hai reagito tu in situazioni simili a questa. Scrivimelo nei commenti!

Paura di fallire nel parlare

Rientri nel mondo del lavoro dopo un periodo di inattività. Come ti senti? Come ti prepari alla nuova sfida del presentarti alla struttura? Su cosa poni la tua attenzione?

Inizi a pensare:

Devo fare la mia prima presentazione da direttore ed ho paura a parlare allo staff. Mi accetteranno?

Cosa significa fare il primo discorso da direttore ad una nuova struttura? È solo un mettersi in evidenza o c’è anche altro? Quanto conta la tua insicurezza, sviluppata nel periodo d’inattività, e quanto si percepisce dall’esterno? Come prepari le tue carte quando sai che hai una sola mano da giocare, perché non ce ne sarà un’altra?

Qual è il tuo obiettivo? Cosa vuoi che rimanga in chi ti ascolta?

In questo articolo vediamo, insieme a un caso reale, i primi suggerimenti per non sbagliare una presentazione importante.

Se vieni allontanato per il tuo pensiero

Frediano è un dirigente di una organizzazione territoriale diffusa su tutto il territorio nazionale. È stato allontanato dalla sede dove era stato incaricato, per aver mostrato la sua contrarietà ad alcune scelte che non condivideva.

Frediano è deluso e teme di non riuscire a rientrare nel mondo del lavoro considerando la sua età ed il non essersi piegato al volere dei responsabili. Ha una famiglia da mantenere, le due figlie che studiano all’Università, la moglie che lavora nella città dove abitano, un tenore di vita familiare alto, abituati dall’ottimo compenso di Frediano.

Passano i mesi e Frediano è sempre più preoccupato, perché all’orizzonte non c’è nessun incarico e l’allontanamento dalla posizione di responsabilità ha minato la sua sicurezza ed anche la stima in se stesso.
Inizia a porsi interrogativi a cui non trova risposta: chi sono io? Come è possibile che mi abbiano addirittura allontanato dal lavoro per aver detto che non sono d’accordo? E tutto quello che ho fatto prima, dove è finito? Le buone scelte che mi hanno riconosciuto nel passato, quanto sono state considerate e dove sono finite in nelle valutazioni che hanno portato al mio allontanamento?

 

Il reintegro e il nuovo incarico: il senso di insicurezza

Poi arriva la notizia: c’è una possibilità! Ritorna al lavoro! C’è per lui un altro incarico in tutt’altra regione ed in una sede dove ci sono problemi diffusi di demotivazione del personale, di presenza sul mercato inadeguata con servizi e modalità vetuste. Insomma affidano a lui una situazione complicata, che è costata l’allontanamento del predecessore.

Ha la voce che trema quando racconta queste cose. Si percepisce che la sicurezza è minata e che la paura di fallire sovrasta la consapevolezza del poter fare bene, come avvenuto in passato.

E poi la zona è diversa da quella in cui vive e quindi poco conosciuta a lui. Anche le persone da gestire non le conosce. In compenso gli hanno spiegato bene lo stato di forte demotivazione del gruppo. Con i suoi responsabili ha avuto solo un incontro ed ha percepito in modo forte e chiaro che per lui questa è LA possibilità, probabilmente l’unica. Della serie, prendere o lasciare, e prendere significa accollarsi molti rischi e quindi … preoccupazioni.

La prima uscita pubblica in cui sarà presentato a tutti, dipendenti e dirigenti, è stabilita: gli comunicano il giorno, l’ora e la città. Che fare?

 

Parlare in pubblico: la paura di fallire

È abituato a parlare in pubblico, lo ha fatto tante volte e tutto filava via liscio.

Questa volta è diverso. È talmente impaurito Frediano, che neanche pensa di intervenire. Puoi essere presentato come nuovo direttore e non dire nulla? Che idea si possono fare gli altri di te se vieni presentato in un ruolo apicale e non dici nulla? E se decidi di dare il tuo contributo: cosa dici? Come lo dici? Ti fai vedere molto sicuro di te e dai già alcune direttive o scegli un altro stile ed eventualmente quale?

Sono situazioni molto delicate dove il punto di equilibrio è difficile da individuare, dovendo giocare tra strategie, organigrammi, relazioni, motivazione, impressioni, costruzione della fiducia e della speranza, tanto per indicare alcune delle variabili che entrano in gioco.

 

Identificare gli obiettivi

Il primo suggerimento che mi sento di dare a chi si trova in una situazione simile a questa è di identificare qual è l’obiettivo personale che si vuole raggiungere e solo dopo soffermarsi sull’obiettivo per i partecipanti. In altre parole chiedersi “cosa voglio ottenere io da questo evento” e a seguire “cosa voglio che ricordino i partecipanti”.

Dalle risposte a queste due prime domande metterai a fuoco alcuni principi che ti guideranno nella preparazione che ovviamente è necessaria, se non vuoi fallire l’occasione.

Da queste due prime domande otterrai anche indicazioni su alcuni contenuti che vorrai trasferire agli astanti, che si faranno una prima idea di te.
Su quest’ultimo aspetto ricorda che non è sufficiente un’ottima presentazione con un buon impatto grafico, che è quello che predispone bene l’interlocutore nei tuoi confronti e che ci deve essere.
Conta tanto anche il come dici le informazioni che vuoi trasferire.

Rifletti: quanto conta una voce tremante? Quanto conta un tono basso di voce, basso, ma così basso, che sembri aver paura di parlare? Quanto conta il non riuscire a sostenere lo sguardo dei partecipanti?

 

Parola d’ordine: preparazione

La preparazione è necessaria e doverosa in qualsiasi occasione, a maggior ragione sul primo incontro che segna l’avvio della relazione con ognuno dei partecipanti. E come vuoi che parta questa relazione: depotenziata o con la luce di una speranza ritrovata negli occhi di chi ti ascolta?

La coerenza tra ciò che diciamo (verbale) ed il come lo diciamo (paraverbale e non verbale) determina l’impressione generale in chi ascolta e la considerazione finale che si farà su di te. È per questo che dobbiamo prepararci con grande cura, sia nell’approntare il discorso sia nel provarlo più e più volte.

È solo così che si conquista credibilità e fiducia dell’interlocutore.

In conclusione, ricorda questa considerazione che è veramente importante: quando devi fare una presentazione di valore, da cui i partecipanti devono capire chi sei – cosa fai e soprattutto come lo fai, cioè devono acquisire fiducia in te ed evitare che vadano da altri, allora il discorso va preparato non bene, benissimo!

Dobbiamo preparare la struttura del contenuto dell’intero intervento; dobbiamo identificare i messaggi chiave della presentazione e come ritornarci; dobbiamo studiare come sottolinearli mano a mano per essere tanto, ma proprio tanto efficaci.

Le mie competenze tra giornalismo, public speaking e comunicazione non verbale saranno tutte a tua disposizione!